CROCIERA IN GROENLANDIA

LA BAIA DEGLI ICEBERG
1/9
airplane-paper-3876379_1920.jpg

da 

€ 4.395

days
8
da Giugno ad Settembre
QUANDO ANDARE:
DETTAGLI:
Partenze di gruppo minimo 2 passeggeri a date fisse.
Pasti come da programma.
Sistemazione in cabina esterna con servizi privati durante la crociera.
  • Facebook Basic Black
IL VIAGGIO IN BREVE:
Una crociera lungo la costa Ovest della Groenlandia. Il bianco e azzurro degli icebergs, incornicia i pittoreschi e colorati villaggi di pescatori e cacciatori, dove la vita scorre lenta, da sempre.
Un’esperienza che permette di vedere da vicino usi e costumi di popolazioni fragili ed antiche. Da Ilulissat, la città degli icebergs, oggi parte del patrimonio UNESCO, si staccano montagne di ghiaccio multicolore la cui parte emersa raggiunge anche i 100 metri. L’emozione di poter seguire con lo sguardo, una piccola parte del viaggio, quello degli icebergs, libero e senza tempo.
ITINERARIO
1° giorno
Reykjavik / Ilulissat
Partenza con volo di linea Air Greenland da Reykjavik a Ilulissat, dove si giunge in mattinata. Incontro con il ns incaricato e trasferimento privato all’hotel Arctic.
Illustrazione del programma da parte della ns guida. Visita della cittadina.
Ilulissat, situata a circa 200 km a nord dal Circolo Polare Artico, è adagiata sull’omonimo fiordo, che produce il maggior numero e i più imponenti icebergs dell’emisfero nord: molto pittoreschi i villaggi dei pescatori e cacciatori e le abitazioni della gente locale.
Qui è nato il celebre esploratore polare Knud Rasmussen. Il villaggio Inuit risale a circa 3 millenni orsono. La città fu fondata nel 1741 dal missionario danese Poul Egede. Il fiordo glaciale di Ilulissat è stato incluso nel patrimonio UNESCO nel 2004.
Durante la visita a piedi di Ilulissat, si ammirerà la parte antica della città con i suoi edifici risalenti al periodo della colonizzazione danese, il vivace porto, l’antica chiesa ed il museo locali.
Cena di benvenuto e pernottamento in hotel.

2° giorno
Ilulissat / inizio navigazione per Qaqortoq
Prima colazione in hotel e mattinata a disposizione. Nel pomeriggio trasferimento al molo di imbarco della MV Sarfaq Ittuk.
Alle 17.00 la nave salpa in direzione sud, lungo la costa ovest. Intorno alle 21.30, è prevista una sosta al villaggio di Aasiaat. Sistemazione in cabine esterne dotate di servizi privati. Pernottamento a bordo.

3° giorno
Navigazione, soste a Sisimiut, Kangaamiut, Maniitsoq
Trattamento di solo pernottamento a bordo. La navigazione prosegue lungo la costa. Pittoreschi villaggi di cacciatori e pescatori sono incorniciati da imponenti icebergs e montagne. E da lontano brilla il magnifico Icecap, la calotta polare nella sua immensità, il cui ghiaccio raggiunge in alcuni punti lo spessore incredibile di ben di 3 km!
Sosta a Sisimiut. Le prime tracce di insediamenti umani a Sisimiut risalgono a circa 4.500 fa. I primi Inuit si insediarono oltre 1000 anni or sono. Il missionario norvegese Hans Egede fondò la prima chiesa nei pressi di Sisimiut intorno al 1721. Qui si possono ammirare ancora diversi edifici e testimonianze ben conservate del XVIII secolo. Oggi Sisimiut è un piccolo ma importante centro per la lavorazione del pescato.
Proseguimento in nave alla volta di Kangaamiut, dove vive una piccola comunità di ca 400 abitanti, e Maniitsoq (o Sukkertoppen). Il primo insediamento della zona si ebbe intorno al 2000 a.C. ad opera del popolo Saqqaq; più tardi arrivarono coloni vichinghi dalla Norvegia, intorno al 1000. Poi i Danesi nel 1755 fondarono un villaggio che chiamarono Sukkertoppen (che in realtà si trova dove oggi c'è Kangaamiut); nel 1782 infine il villaggio fu spostato sull'isola di Maniitsoq, dove si trova oggi. Pernottamento a bordo.

4° giorno
Navigazione, soste a Nuuk, Qeqertarsuatsiaat, Paamiut
Trattamento di solo pernottamento a bordo. La navigazione lungo la costa ovest prosegue in direzione sud. Sosta al mattino a Nuuk, la capitale amministrativa dell’isola. Tempo a disposizione per un giro orientativo della città, fondata nel 1721 dal missionario norvegese Hans Egede col nome Godthåb. Allora la Groenlandia era de jure colonia norvegese sotto il Regno di Danimarca e Norvegia, pur non avendo avuto per più di due secoli alcun contatto con la madrepatria. Anche gli Inuit e Danesi hanno abitato Nuuk, adagiata sul fiordo di Godthåbsfjorden, sulla costa occidentale dell'isola, a circa 240 km a sud del Circolo polare artico.
Raggiungibile solo via mare non ha strade che la collegano alle altre città della più grande isola del mondo. Porto peschereccio, è il più grande centro commerciale groenlandese. Gli abitanti sono prevalentemente groenlandesi e parlano un dialetto eschimese del ceppo canadese.
Il nome danese Godthåb fu abbandonato nel 1979 in favore di quello groenlandese Nuuk. Nuuk ospita anche l'Università della Groenlandia (Ilisimatusarfik).
Si raggiunge lentamente il piccolo centro di Qeqertarsuatsiaat, insediamento danese del 1754 conosciuto con il nome di Fiskernæs. Come la maggior parte delle postazioni commerciali groenlandesi, era un luogo in cui i danesi scambiavano merci importate, con pelli di foca e grasso di foche e balene raccolte nella zona.
Quindi Paamiut un piccolo centro che affaccia su un pittoresco fiordo. Fondato nel 1742 divenne prospera per la pesca di balene e merluzzi. È stata fino ad ora risparmiata dal turismo, nonostante sia uno dei migliori punti di transito e osservazione delle megattere.
Pernottamento a bordo.

5° giorno
Navigazione / Arsuk, Qaqortoq
Trattamento di solo pernottamento. La navigazione ci porta oggi al cospetto del magnifico arcipelago della Groenlandia meridionale, fino al centro di Arsuk, alla bocca dell'omonimo fiordo, che ospita circa 160 abitanti...
Quindi Quaqortoq, dove si attracca. Il suo nome significa la bianca, anche se d'estate sbocciano innumerevoli fiori selvatici dai mille colori. Fu fondata dal norvegese Anders Olsen nel 1775; in questa città vi è un’importante produzione di mantelli di pelle di foca. Qaqortoq vanta l'unica fontana della Groenlandia, alla cui base vengono scritti i nomi dei cittadini vivi e morti in lettere d'ottone. Qui si trova un magnifico museo sulla storia e la cultura del luogo, e c'è anche un'enorme scultura di roccia, Stone and Man di Aka Høegh.
Trasferimento all'hotel Qaqortoq, e sistemazione.

6° giorno
Qaqortoq
Trattamento di pernottamento e prima colazione in hotel.
Visita di Qaqortoq, citata spesso per essere tra le cittadine più belle della Groenlandia. Effettivamente è molto pittoresca, annidata tra l'omonimo fiordo e il lago di Tasersuaq.

7° giorno
Qaqortoq, in elicottero a Narsarsuaq
Dopo la prima colazione si parte in elicottero, volando a bassa quota per ammirare lo straordinario paesaggio glaciale! (servizio soggetto a riconferma in base alle condizioni meteo. Potrebbe essere sostituito con servizio via mare)
Arrivo a Narsarsuaq, abitata da meno di 200 persone. Nella metà del secolo scorso gli Stati Uniti vi costruirono una base aerea. Vi fu anche costruito un ospedale con 600 letti per far fronte alle vittime degli sbarchi in Normandia.
Sistemazione all'hotel Narsarsuaq. Pernottamento


8° giorno
Narsarsuaq / Reykjavik
Prima colazione in hotel. Trasferimento in aeroporto e partenza con volo Air Greenland per Reykjavik, dove si giunge nel pomeriggio. Termine dei servizi.
Questa è una delle tante proposte disponibili per questa destinazione, abbiamo a disposizione soluzioni con durata più o meno lunga e su richiesta siamo in grado di sviluppare lo stesso itinerario su base individuale modificandolo ed adattandolo alle vostre esigenze.
Non esitate a contattarci.  
IN COLLABORAZIONE CON:
NORAMA

Pegaso Viaggi di W2 Agency snc

Agenzia di Viaggi e Tour Operator

P.I. 02348920428 - REA 180768/AN

Licenza e aut. 9644/10

Polizza Ass. RC Europ Assistance n° 8987108

Polizza Fondo di Garanzia Assicurativo - Norbis S.p.a. - Valore Sicuro n° 5002002215/P

Condizioni di Viaggio T.O. Pegaso Viaggi

Privacy Policy

© 2021 by Pegaso Viaggi.

Proudly created W2 Agency snc

  • Pegaso Viaggi
  • Wix Facebook page