TIBET E NEPAL

IL PAESE DELLA FELICITA'
1/9
airplane-paper-3876379_1920.jpg
1024px-Japan_(orthographic_projection).s

da 

€ 3.769

days
12
da Aprile ad Settembre
paper-planes-3128885_1280.png
QUANDO ANDARE:
DETTAGLI:
Di gruppo garantite garantite minimo 2.
Pasti: come da programma
Guide locali parlanti italiano per tutta la durata del tour.
  • Facebook Basic Black
IL VIAGGIO IN BREVE:
Un viaggio nel cuore del buddismo tantrico, immersi in una pace senza tempo. Kathmandu e le città storiche della sua valle, ritornate all’antico splendore ed oggi più che mai visitabili ed il Bhutan, un Paese rimasto incontaminato, attraverso valli verdissime, villaggi e monasteri remoti. L’alloggio in Bhutan è negli hotel tradizionali. I migliori tra i tradizionali sono la categoria A, pur sempre 3*.
ITINERARIO
1° giorno
Italia/Pechino
Partenza per Pechino con vettore di linea IATA. Volo notturno.

2° giorno
Pechino
Arrivo a Pechino al mattino o nel pomeriggio: trasferimento in hotel. Resto della giornata a disposizione. Pasti liberi. Pernottamento.

3° giorno
Pechino / Lhasa (3.600 m. slm)
Pensione completa In mattinata trasferimento in aeroporto e partenza per Lhasa. All’arrivo, trasferimento in città (che dista 80 km. dall'aeroporto); sistemazione in albergo. Resto della giornata a disposizione per il riposo necessario all’acclimatamento. ALTITUDINE ED ACCLIMATAMENTO Attenzione a NON sottovalutate l’effetto dell’altitudine: anche se vi sentite bene, non riposare il giorno dell’arrivo può voler dire ipotecare l’intera vacanza! Vi preghiamo vivamente, anche se vorreste uscire subito, di stare fermi il primo giorno per acclimatarvi: vi trovate a più di 3.500 m slm e tra pochi giorni salirete ancora! Normali sintomi sono mal di testa, fiato corto, battiti del cuore accelerati, gambe molli, nausea e a volte vomito. Solitamente si presentano forti il primo giorno, ma non spaventatevi, l’effetto sarà minore già dal secondo, e dal terzo dovrebbe ritornare tutto alla normalità, MA, se non affrontate appropriatamente l’altitudine con il riposo, i sintomi potrebbero perdurare per l’intero viaggio. E' buona norma bere tanti liquidi e mai freddi (tè, acqua) e limitare la quantità di cibo ai pasti; consigliamo inoltre di non assumere se possibile medicinali per non coprire i sintomi di problemi più gravi.

4° giorno
Lhasa
Pensione completa. In mattinata, prime visite: il Tempio Jokhang, il cuore del buddhismo tibetano, ed il mercato Balkhor Cioide. Nel pomeriggio, visita alla città monastica di Sera.

5° giorno
Lhasa
Pensione completa. In mattinata visita al Potala, sede storica del Governo del Dalai Lama. Nel pomeriggio visita del Monastero Drepung, il più grande del Tibet, che arrivò ad ospitare fino a 10.000 monaci.

6° giorno
Lhasa/Gyantze (3.900 m. slm)
Pensione completa. In mattinata, partenza per Gyantze, nel distretto di Tsang. E' il primo incontro con il maestoso paesaggio tibetano e con le sue montagne: la strada attraversa i passi Kamba La (4.794 metri slm) e Karo La (5.010 metri slm) e percorre tutto il fianco dello spettacolare lago Yamdrok (4.400 metri slm). Arrivo nel tardo pomeriggio a Gyantze.

7° giorno
Gyantze/Xigaze (3.800 m. slm)
Pensione completa. In mattinata, visita del villaggio, del Monastero e del celebre Kumbum, lo stupa più imponente e prezioso del Tibet, quindi proseguimento per Xigaze (due ore circa). Sistemazione in albergo. Nel pomeriggio, visita al favoloso Monastero Trashilumpo, sede del Panchen Lama, la seconda autorità religiosa del Tibet.

8° giorno
Xigaze/Sakya/Xegar (4.300 m. slm)
Pensione completa. Intera giornata dedicata all'escursione alla città di Sakya, cui si giunge dopo 100 chilometri, varcando il passo Tso La (4.500 metri slm). Sakya è una pittoresca cittadina di montagna, le cui case dipinte di grigio fanno da cornice allo splendido monastero, appartenente alla scuola religiosa dei Sakya-Pa. Proseguimento quindi per Xegar, varcando il maestoso passo Gyatso-La, il più alto del viaggio, a 5.240 metri slm.

9° giorno
Xegar/ Rongbuk (5.200 m. slm) /Xegar
Pensione completa. Al mattino trasferimento a Rongbuk, percorrendo una strada in un contesto rurale montano affascinante, lungo il quale si potranno avvistare le cime dell'Everest, del Cho Oyu, del Lhotse e dello Shishanpagma, quattro degli ottomila più suggestivi della terra. Arrivo dopo due ore circa al Monastero di Rongbuk e da da dove si può godere di una visione perfetta dell’Everest. Tempo a disposizione per ammirare lo straordinario spettacolo dell’Everest quindi rientro a Xegar.

10° giorno
Xegar/Kerung (2.700 m. slm)
Pensione completa. Partenza per Kerung: intera giornata di trasferimento attraverso il maestoso e selvaggio altopiano tbetano nel punto più prossimo all'Himalaya. Lungo il percorso, sarà possibile avvistare le cime di tre spettacolari ‘ottomila’: l’Everest, il Cho Oyu e lo Shishangpagma. Nota bene: la sistemazione a Kerung è estremamente semplice, adatta solo a veri viaggiatori

11° giorno
Kerung/Kathmandu
Mezza pensione. Di buon mattino partenza per Rasuwagadhi, punto di confine tra Tibet e Nepal: attraversamento del confine, incontro con un assistente dell'agenzia nepalese e proseguimento in jeep per Kathmandu (il tragitto durerà l'intera giornata, e per buona parte si snoderà su strada sterrata). Arrivo a Kathmandu in serata e sistemazione in hotel.

12° giorno
Kathmandu/Italia
Prima colazione. Trasferimento in aeroporto in tempo utile per il volo di rientro in Italia. Arrivo in serata o il giorno successivo e fine dei nostri servizi
Questa è una delle tante proposte disponibili per questa destinazione, abbiamo a disposizione soluzioni con durata più o meno lunga e su richiesta siamo in grado di sviluppare lo stesso itinerario su base individuale modificandolo ed adattandolo alle vostre esigenze.
Non esitate a contattarci.  
IN COLLABORAZIONE CON:
MISTRAL